Quando la motivazione è tutto

Ed eccoci giunti alla fine del mese di luglio! Quanti argomenti che abbiamo affrontato in questo periodo, quanti spunti di riflessione!

In questo articolo vorrei, però, fare un passo indietro e raccontarti cosa mi ha aiutato di più in questi ultimi mesi, a partire dal periodo di lockdown.

Non ne ho mai parlato apertamente un po’ perchè sono ancora nella fase “work in progress” un po’ perchè sono stata travolta da tante cose (non so neppure bene come definirle), però ho deciso di raccontarti la mia esperienza perchè, magari, può dare uno spunto anche a te.

Lavorando nel mondo del digital ho dovuto ( e voluto) lavorare davvero moltissime ore in questi mesi perchè l’unico canale accessibile ed aperto h24 era proprio il canale del web. 

Rassicurare è stata una delle attività che ho svolto maggiormente in questi mesi. Rassicurando gli altri ho cercato di rassicurare anche me stessa. Nonostante le distanze sono riuscita a mantenere un rapporto quotidiano con (quasi) tutte le persone che lavorano con me. 

Sono stati mesi in cui mi sono chiesta in quale direzione volessi andare e ho provato a fare un brainstorming di tutte le idee e progetti che mi attiravano (e mi attirano).

Mi sono concentrata su:

  • Scrittura
  • Podcast e Radio
  • Studio approfondito del social media marketing e copywriting

Ho studiato ( e sto studiando) tanto. Mi ha aiutato moltissimo avere un appuntamento quotidiano con la scrittura, lo studio e corsi di formazione online. Ho capito che è importantissimo dedicare tempo alla formazione, quotidianamente se possibile. Si impara tanto, ci si migliora, si cresce.

E’ per questo che vorrei dirti: prova a ritagliarti un po’ di tempo per approfondire il settore del quale ti occupi. Non rimandare a domani. Studia la concorrenza, impara nuove tecniche, approfondisci alcuni aspetti, studia cosa viene proposto in altri Paesi. 

Difficile a farsi? Lo pensavo anche io. 

Fino a quando ho preso una decisione: selezionare.

Difficile anche questo, vero? Però è fondamentale. Come ho fatto? Una semplicissima tabella su un foglio bianco in cui ho scritto i pro ed i contro di alcune cose che stavo portando avanti. Ho cercato di essere obiettiva e di non farmi prendere da sentimenti. E proprio guardando quei fogli, frutto di una attenta valutazione, ho capito dove era utile insistere e dove (a malincuore) era doveroso staccarsi. Quel tempo recuperato lo sto utilizzando per formarmi e per migliorarmi così da essere ancora più consapevole e preparata nel mio lavoro.

Se sono soddisfatta? Sono più serena e consapevole che questa sia la strada giusta.

Prova a prendere un tempo per te stessa. Rifletti. E non avere paura di compiere scelte. Ti faranno stare bene.